Inizialmente punta su due distributori quali la UCS Comic Distributors e la Lunar Distribution[109]. Codice : CF 9094322. Nel primo numero si assiste all'uccisione di personaggi storici quali Hawkman e Hawkgirl e nel corso della saga si hanno drammatiche ripercussioni su tutto l'universo dei supereroi DC[80]. Questo a sottolineare un tentativo maldestro e a tratti ridicolo di impostare le scene d'azione, l'utilizzo eccessivo delle tecniche di ripresa Dutch Tilts (cioè a camera angolata), una scelta della fotografia che accentua troppo i colori vivaci e la presenza di oggetti di scena di dubbio gusto (che si suppone ispirati dalla pop art del periodo)[34]. Il personaggio più interessante e innovativo di questi quattro supereroi minori (ma considerati diehard del genere) è Robotman che anticipa di diversi anni il moderno interesse per i cyborg sia del cinema che della letteratura[17]. Il compito di aggiornare questi personaggi viena assegnato a Dennis O'Neil e al veterano Julius Schwartz[35]. Robert Kanigher - John Broome (testi), Carmine Infantino (matite), Joe Kubert (chine), Julius Schwartz (direttore editoriale e creativo). La storia serve anche da spiegazione dell'anomalia temporale che ha portato a Flashpoint e quindi il reboot di The New 52. Non è un caso quindi che Tommy Tomorrow (capostipite dei nuovi eroi futuristici) venga pubblicato su Action Comics (serie natale di Superman). La copertina di un albo diviene fondamentale per incrementarne le vendite o decretarne il successo. Molti di questi titoli sono infatti in mano ad autori e artisti britannici come ad esempio la pluripremiata serie The Sandman di Neil Gaiman, l'opera che insieme alla Swamp Thing di Alan Moore e alle serie di Grant Morrison (quali Animal Man e Doom Patrol) hanno fatto da pietra angolare per le pubblicazioni future della Vertigo[61]. Inoltre, invece di aumentare a dismisura gli albi pubblicati, si concentra nel rinnovare le serie storiche con giovani autori di talento. Nell'ambito delle opere "fictional" la prima ad essere pubblicata è la miniserie Brooklyn Dreams di Jean Marc DeMatteis, parzialmente autobiografica, alla quale fa seguito la prima opera definita Paradox Mistery[65] e dal titolo La Pacifica di Joel Rose, Amos Poe e Tayyar Ozkan. Anche in questo caso il precedente Lanterna Verde (cioè Al Scott) è sostituito da un nuovo personaggio i cui poteri non sono più di origine magica ma dati da un corpo di polizia spaziale. Queste affermazioni risultano parzialmente vere in quanto abbiamo autori come Johns sui testi della Lega della Giustizia e Aquaman, Brian Azzarello su Wonder Woman, Grant Morrison e George Perez sulle storiche serie di Superman, Scott Snyder su Batman, l'astro nascente Jeff Lemire su Animal Man e Frankestein, il ritorno di Rob Liefeld su Hawk e Dove e quello dell'ex-boss Paul Levitz sulla Legione dei Super-eroi[86]. Sotto la guida di Paul Levitz e Keith Giffen esce inoltre una delle saghe più amate e celebri della Legione dei Super-eroi, cioè The Great Darkness Saga (ovvero la Saga della Grande Oscurità)[49]. Secondo la politica adottata (che prevede il mantenimento di 52 serie regolari in distribuzione), ogni titolo viene rimpiazzato da uno nuovo ma le nuove proposte (dal 2012) non raggiungono quasi mai un singolo anno di pubblicazione prima della chiusura. Film misto live action ed elementi in CGI. Come si può notare in questi fumetti ambientati in zone di guerra sono assenti eroi con superpoteri quali Superman, Wonder Woman o altri membri della Justice Society of America. La prima serie d'animazione è dedicata a Superman e viene supervisionata da Mort Weisinger[36]. – e per mai osare la precisione degli uccelli – contaminata la pioggia vacilla. Questo è poi il formato usato per le graphic novel, ultima tappa di un rinnovamento grafico (ma anche di contenuti) che porta i fumetti DC e non solo verso un pubblico più adulto e stratificato di quanto si fosse mai visto prima[47]. Un'altra scommessa vincente del redattore è quello di affiancare Bill Finger a Bob Kane come ghost-writer[10]. Il problema è che la maggior parte delle serie non vanta team creativi altrettanto solidi e il rilancio sembra premiare soprattutto i personaggi già conosciuti cioè Superman, Batman e i membri (nuovi o ex) della Justice League. Nell'estate del 2020 la DC annuncia che abbandona la Diamond Comic Distributors come suo distributore di fumetti per il Nord America, e principale canale di riferimento per i distributori internazionali[109]. Avendo Max Gaines bisogno di fondi si rivolge al proprietario della Detective Comics: Harry Donenfeld. Il progetto (intitolato Infinite Crisis) viene affidato a Johns e serve da base per il rilancio di diversi personaggi e di una nuova serie sulla Justice League (partiata nel 2006)[78]. Reduce dai campi della Grande Guerra comincia a lavorare nell'editoria negli anni venti, vendendo storie in prosa e strisce a fumetti (o comic strips) ai giornali tramite una sua agenzia di stampa chiamata: (o syndicate)[3]. Si assiste così alla fondazione di un nuovo universo fumettistico che porterà la Marvel nell'arco di un decennio ad essere la rivale storica della DC. L'ispirazione arriva dai cortometraggi animati che vengono proiettati nei cinema con protagonisti Mickey Mouse di Walt Disney, Tom & Jerry della MGM, Bugs Bunny della Warner Bros. e Woody Woodpecker di Walter Lantz. La DC sfrutta al massimo questo periodo arrivando a ideare La morte di Superman, saga-evento del decennio che verrà ripetuta su altri personaggi come lo stesso Batman con la storyline Knightfall. Da notare le tematiche ecologiste affrontate nelle sue storie degli anni quaranta e cinquanta, diversi anni prima che nasca l'interesse dell'opinione pubblica per questo tipo di problemi[17]. Si tratta di un'opera sequel de Il ritorno del Cavaliere Oscuro e quindi slegata dai progetti editoriali post-Convergence[93]. A Diana vengono tolti tutti i superpoteri e viene trasformata in una donna indipendente e moderna (secondo gli stereotipi dell'epoca) con qualche conoscenza delle arti marziali[35]. Con la nuova serie si vogliono inserire storie di ampio respiro e che occupino diverse pagine l'una[7]. diventa difficile anche parlarne.--Mizar (ζ Ursae Maioris) 19:11, 23 set 2008 (CEST) Un testo ritenuto attendibile, citato anche alla voce Berlusconi, attribuisce a Dell'Utri mosse per acquisire la Tv in questione. Oltre a questi possiede imprint dedicati alle opere creator owned (cioè di proprietà degli autori) e vanta collaborazioni tra alcuni dei nomi più importanti del panorama fumettistico statunitense[69]. Non per caso Diane Nelson è stata Vicepresidente esecutivo e responsabile del Global brand management della Warner Bros. Entertainment per poi passare ad essere presidente della Warner Premier[84]. Da questa prima implosione del mercato dei supereroi (quello trainante sin dal 1938) si salvano tre personaggi destinati a diventare icone: Superman le cui storie continuano sulla serie omonima, su Action Comics e su Adventure Comics (come Superboy), Batman sulla serie omonima e Detective Comics, e Wonder Woman[17]. Questo espediente narrativo viene adottato soprattutto nella Silver Age (introdotto frequentemente sulle serie della rivale Marvel). Questa posizione gli permetterà di ricreare interesse intorno agli eroi mascherati e rilanciare l'intero settore con una maggiore facilità alla fine degli anni cinquanta ponendo le basi della Silver Age. Questo formato piace subito gli autori che possono concentrarsi sulla qualità delle storie e dei disegni senza l'ossessione delle scadenze mensili ma intriga anche i vertici dell'azienda che vedono nel nuovo formato la possibilità di sperimentare su nuove storie e personaggi, senza azzardare l'investimento economico e l'impegno editoriale richiesto dal lancio di una nuova serie regolare, che teoricamente prevede necessita di una pianificazione di diversi anni su base mensile[48]. La serie Wonder Woman insieme a quelle intestate a Batman e Superman saranno le uniche ad avere una continuità di distribuzione anche dopo la fine della Golden Age. Julius Schwartz propone ed ottiene la pubblicazione della serie antologica Strange Adventures, serie cult dell'epoca che permette a Schwartz di ottenere consensi come redattore-scrittore. Si tratta di Jim Lee (su The Immortal Men), Tony Daniel (su Damage), John Romita Jr. (su The Silencer), Kenneth Rocafort (su Sideways), Ivan Reis (su The Terrifics), Philip Tan (su The Curse of Brimstone), Andy Kubert (su New Challengers), Ryan Sook (su The Unexpected)[98]. Rimane ancora coinvolto nella qualità di producer e co-sceneggiatore nei film di Aquaman (del dicembre 2017), in Wonder Woman 1984 (del 2019) e Green Lantern Corps (del 2019)[103]. Il 1993 vede anche il lancio di un altro imprint, con una gestione ancora più autonoma di quanto fosse quella di Karen Berger per la Vertigo. A questo si aggiunge la feroce campagna contro i fumetti dello psichiatra Fredric Wertham che con il libro Seduction of the Innocent incolpa i fumetti di corrompere l'etica delle menti dei giovani statunitensi. Il problema è che non esiste un mercato in grado di sostenere questo tipo di offerta e dopo il 1993 inizia un crollo delle vendite che porta entro il 1996 alla pubblicazione del 70% in meno di nuove serie rispetto solo a tre anni prima[60]. Oltre a dichiarare espressamente di disinteressarsi di fumetti di genere supereroistico o fantasy, si pone come risposta (tardiva) alla Epic Comics della Marvel e a tutti quegli editori indipendenti che propongono materiale alternativo, in grande fermento durante il decennio[53]. Il suo obbiettivo è di creare una continuity tra le strisce quotidiane per creare aspettative nei lettori, spingendoli così a comprare il giornale l'indomani[13]. Si tratta dei Wildstorm Studios di Jim Lee, una delle colonne portanti della Image dal 1992 al 1998[68]. Da queste premesse nasceLa Lega degli Straordinari Gentlemen, un supergruppo formato da personaggi quali il Capitano Nemo e l'Uomo Invisibile in azione nell'epoca vittoriana, Tom Strong, un omaggio ai personaggi pulp quali Doc Savage ma anche una ripresa di elementi classici del genere supereroistico[69]. Il nuovo formato viene scelto principalmente per ridurre il quantitativo di carta per la stampa ma anche per renderlo più visibile e gestibile sugli espositori delle edicole. La seconda esce nello stesso anno ed è uno dei maggior successi della DC Comics del periodo[71]. Con la gestione Levitz si ripropongono alcuni degli elementi narrativi della precedente Dark Age fumettistica[78]. Anche questo ennesimo tentativo fallisce e a fine 2015, tra i 30 albi più venduti le DC ne piazza solo due e sono entrambi parte della miniserie Dark Knight III: The Master Race di Brian Azzarello e Frank Miller[93]. Dal novembre 1938 More Fun Comics prende il nome Adventure Comics, con il quale viene distribuita e pubblicata (anche se non continuatamente) fino al 2011[6]. Tale sede è attiva dal febbraio 1935 fino al 1938 quando viene spostata in Midtown Manhattan al 480 Lexington Avenue[9]. Viene ritenuto di vitale importanza che i brand della DC e i suoi iconici personaggi siano pienamente utilizzati e usufruibili per la Warner al fine di crearne franchise multimediali per un pubblico globale[105]. Di fatto si crea un nuovo universo supereroistico popolato di personaggi che spesso si ispirano a supereroi già pubblicati nella Golden Age[20]. Si tratta dello storico gruppo della Justice Society e le cui storie degli anni quaranta e cinquanta sono quindi accadute in una realtà parallela denominata Terra-Due[27]. Ora però il Direttore editoriale Irwin Donenfield vuole tornare ad aumentare le quote di mercato e per fare ciò si rivolge al redattore-scrittore Julius Schwartz. L'idea di O'Neil, supportato da Schwartz è quella di ridimensionare i poteri di Superman (senza però stravolgerne la natura come con Wonder Woman), eliminare la minaccia della kryptonite (con la quale si erano ormai scritte decine di storie inutili e ripetitive) e dare un nuovo lavoro a Clark Kent[35].Quest'ultimo viene riassegnato come reporter televisivo togliendolo dalla redazione del Daily Planet e privandolo di elementi fantascientifici come i robot con le fattezze di Clark/Superman che permettevano di risolvere qualsiasi dubbio riguardo alla sua identità segreta. Questa nuova terra alternativa viene denominata Earth-Prime, la più importante di tutte le terre del Multiverso perché, anche se non possiede supereroi, ha degli esseri umani le cui idee plasmano e creano gli altri mondi[33]. Difatti Johns è stato sin dall'uscita di Man of Steel di Zack Snyder uno dei principali responsabili per le decisioni riguardanti il DC Extended Universe insieme a Jon Berg, capo della divisone cinematografica per la Warner Bros.[104]. L'immediato successo porta al repentino lancio della serie Justice League of America e segna un nuovo inizio per l'intero movimento fumettistico statunitense. Si assiste poi ad una retromarcia rispetto a quanto pianificato solo qualche mese prima, vengono infatti chiusi gli imprint DC Ink e DC Zoom[106], che avevano debuttato a marzo 2019. Bisogna aggiungere che questo è reso possibile dall'arrivo della prima Invasione di autori britannici (o British Invasion) nei comics d'oltreoceano[61]. Si trova quindi a capo del team responsabile per lo sviluppo e la coordinazione dei franchise globali delle varie divisioni facenti parte del nuovo gruppo nato dalla fusione tra WarnerMedia e AT&T[105]. Con queste due opere nasce il moderno comic book, inteso come espressione artistica che gode di successo e di considerazione critica al pari delle opere letterarie[52]. Global Brands and Experiences" (o WBGBE)[105]. A differenza delle serie regolari (che prevedono un'indeterminata uscita di numeri) qui si ha una storia che viene raccontata in un arco di tempo e albi stabilito[48]. Per la DC è la prima storia di questo tipo e si potrebbe arguire che non si tratta di un'idea originale in quanto è preceduta da quanto fatto da Jim Shooter alla Marvel l'anno prima (il 1984) con Guerre segrete (o Marvel Super-hero Secret Wars in originale)[51]. Viene creato da Otto Binder e Gil Kane e racchiude molte delle caratteristiche e ingenuità delle storie di questo periodo, Adam è un uomo ordinario che viene trasportato da un raggio cosmico su un altro pianeta di nome Rann dove trova amore e avventura. Il primo albo della sua casa editrice esce nel febbraio 1935 e porta il titolo New Fun: The Big Comic Magazine[3]. Il seguente elenco contiene i film realizzati in tridimensionale, attraverso le varie tecniche di visione stereoscopica. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Lo stesso tipo di percorso viene scelto per la genesi e il lancio di molti altri supereroi. A metà degli anni ottanta con la miniserie Crisi sulle Terre infinite si mette fine al Primo Multiverso DC per dare origine ad un nuovo universo coerente e facilmente gestibile a livello narrativo e di continuity. Il pubblico si ritrova però con un albo troppo costoso e pieno di ristampe. Il codice scritto da altri: La fase di test: Mostra i risultati (3717 voti) Leggi i commenti (10) Un dettaglio importante di Aurous è il suo rapporto con la pirateria. Nel seguente elenco si fa riferimento alle seguenti tecnologie 3-D: Secondo revival - prima parte (2003-2010), Secondo revival - seconda parte (2011-presente), Il solo lungometraggio stereoscopico prodotto in, I prossimi 10 film d'animazione dei Walt Disney Studios fino al 2012, Fox rimescola le date di uscita per il 2009, Sony Pictures Imageworks annuncia i progetti 2008/2008, Polarizzazione della radiazione elettromagnetica, L'arrivo di un treno alla stazione di La Ciotat, 6 Mädels rollen ins Wochenend: Eine Raumfilm-Studie von Zeiss-Ikon, Il mostro è in tavola... barone Frankenstein, Spacehunter: Adventures in the Forbidden Zone, Le avventure di Sharkboy e Lavagirl in 3-D, Hannah Montana/Miley Cyrus: Best of Both Worlds Concert Tour, Jonas Brothers: The 3D Concert Experience, Il regno di Ga'Hoole - La leggenda dei guardiani, Le cronache di Narnia - Il viaggio del veliero, Inazuma Eleven - Il Film - L'attacco della squadra più forte - Gli Ogre, Pirati dei Caraibi - Oltre i confini del mare, Harry Potter e i Doni della Morte - Parte 2, Fright Night - Il vampiro della porta accanto, Le avventure di Tintin - Il segreto dell'Unicorno, Gekijōban Inazuma Eleven GO - Kyūkyoku no kizuna Gryphon, Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma 3D, L'era glaciale 4 - Continenti alla deriva. Questo permetterà l'aprirsi di un nuovo decennio ricco di opere premiate dalla critica e dal pubblico[72]. Investigación hemerográfica sobre la historia y las ciencias sociales en el mundo digital. Un libro è un insieme di fogli, stampati oppure manoscritti, delle stesse dimensioni, rilegati insieme in un certo ordine e racchiusi da una copertina.. Il libro è il veicolo più diffuso del sapere. Nei primi anni ottanta si assiste ad una crisi del mercato supereroistico che porta alla chiusura di tutte le serie sia Marvel che DC. Non a caso dopo l'introduzione dell'Autorità sul codice dei fumetti viene lanciata la storica serie House of Secrets, contenente storie del mistero, e che punta a raccogliere i lettori rimasti orfani delle altre serie del genere. In New Comics sono presenti sia storie umoristiche che d'avventura, inoltre la lunghezza di una storia riprende quella delle pagine domenicali dei fumetti pubblicate sui quotidiani (Sunday Pages)[7]. Si tratta della serie Gears of War ispirata al videogioco creato dalla Epic Games per la console Xbox 360[71]. Fino ad ora i generi contenuti in un albo a fumetti varia enormemente. Per accontentare questo nuovo canale distributivo bisogna però individuare anche nuovi formati e questo avviene alla DC per un caso fortuito. DC's Young Animal: imprint che debutta a settembre 2016 sotto la supervisione del musicista e scrittore. Tra le conseguenze positive dello show live action di Batman si può annoverare la nascita dell'interesse dei grandi network per i supereroi. La realizzazione è resa possibile grazie ad un inter-company crossover con la Dynamite Entertianment che detiene i diritti dei personaggi della trilogia Evil Dead di Sam Raimi tra cui quello di Ash Williams[71]. Donenfeld è anche interessato al lancio della nuova serie di Vin Sullivan e ad espandere ulteriormante l'offerta della National Allied Comics[7]. R3V|Request-SeRie|01; Pack: Dim. Il progetto viene assegnato a Julius Scwartz e Dennis O'Neil che però - per loro stessa ammissione - non riescono nell'impresa di ridare splendore ad uno dei miti dei supereroi[40]. Si passa dalla disastrosa gestione di fine anni settanta (che coincide con la Implosione DC del 1978) per arrivare alla pubblicazione dell'albo più venduto della storia della DC Comics (e del fumetto) nel 1993 (cioè quello della morte di Superman). Il suo obiettivo principale sono i fumetti dell'orrore dell'editore EC ma non si sottrae neppure l'attacco a personaggi storici della DC come lo stesso Batman che viene accusato di omosessualità latente nei confronti di Robin. Forse cava la nostra carne dentro milioni di fosse oceaniche. Li ringraziamo per il duro lavoro e la dedizione alla DC»[107]. Superman è la dimostrazione stessa della schizofrenia del mercato in quanto per poter vendere i suoi albi, la DC è condannata a inventare continuamente espedienti narrativi clamorosi e discutibili per creare albi evento che attirino l'attenzione del pubblico e dei media. Paul Levitz rimane come consulente e sceneggiatore mentre la Nelson lavorerà in collaborazione con Jeff Robinov, presidente della Warner Bros. Pictures Group (la divisione che cura la produzione cinematografica della Warner). Nel 2019 viene quindi varato un rebrand dei titoli che vede la chiusura dello storico imprint Vertigo, fondato nel 1993 e sede delle opere alternative e per un pubblico adulto della DC[106]. La stessa DC soffre il momento negativo ma la gestione Khan-Levitz-Giordano riesce con una certa lungimiranza a prevedere la necessità di allargarsi verso nuovi lettori non legati al mercato speculativo del decennio e non necessariamente interessati al genere supereroistico. Promosso redattore l'anno successivo è lui a concepire la serie Detective Comics, la prima serie a fumetti incentrata su un unico tema e con storie più lunghe. Anche Jerry Siegel diede il suo contributo creando The Star Spangled Kid, una sorta di combattente mascherato con i simboli della bandiera statunitense. Per questo ritorna il termine Dark Age (o Epoca oscura) dei comics per indicare questo periodo[78]. Tra il 1949 e il 1959 rimangono in distribuzione le serie Action Comics, Superman e Adventure Comics (con Superman e Superboy), Detective Comics e Batman (per l'Uomo Pipistrello) e Wonder Woman (per l'amazzone Diana). Film di fantascienza "robotica" prodotto da, Cortometraggio di animazione, l'ultimo girato su doppia pellicola parallela. Cerca nel più grande indice di testi integrali mai esistito. Da questa propaganda anti-fumetti ne esce però rafforzata proprio la DC, grazie al suo personaggio simbolo Superman e grazie al fatto che le serie crime e horror da lei pubblicate non presentano mai eccessi nella rappresentazione di scene violente. 1-881 fino al 2011 + i 52 albi del The New 52)[96]. A marzo 2015 vengono chiusi ulteriori 13 titoli delle serie regolari mensili a cui si aggiunge la cancellazione delle tre serie a periodicità settimanale, cioè The New 52: Future's End, Earth 2: World's End e Batman Eternal[87]. I due protagonisti sono un corvo saccente e fuma sigari e una volpe apparentemente ingenua i quali danno origine alla coppia fumettistica The Fox and the Crow che debutta su Reel Screen Comics n. 1 della primavera del 1945. Tra questi vanno ricordati la First Comics, Fantagraphics, Eclipse, Revolutionary Comics e la Dark Horse Comics[53]. Siete l'Agente 17, nome in codice "Otto", agente segreto governativo, che entra in un palazzo di 30 piani per recuperare documenti segreti in varie stanze. McDuffie sostiene che nei comics statunitensi i protagonisti siano bianchi di origine caucasica e gli eroi di colore siano rappresentati solo in ruoli secondari e spesso vittima di stereotipi[62]. In questa decade assumono un ruolo fondamemtale gli autori e tra questi Grant Morrison, Geoff Johns, Mark Waid e Jim Lee[72]. Dopo un periodo di stabilità che durava da fine anni settanta la DC affronta quindi un periodo di transizione. DC Comics è una casa editrice di fumetti statunitense, una delle più importanti in assoluto nel mondo. L'autonomia di Gaines però non dura e nello stesso anno vende la All-American Publications e tutti i suoi personaggi allo stesso Donenfeld, che fa valere una posizione di forza sia finanziaria che distributiva. Il progetto di maggior successo (e ancora attivo oggi) è la creazione dell'imprint Vertigo sotto la direazione di Karen Berger, che debutta nel 1993 con la miniserie Neil Gaiman e Chris Bachalo Death: l'alto costo della vita e la miniserie Enigma di Peter Milligan e Duncan Fegredo[61]. Rogern Stern (testi) e Bob McLeod (disegni). Gaines accetta e le conseguenze sono una progressiva integrazione tra le due compagnie, che si scambiano i rispettivi autori e artisti. Le quattro serie di lancio dell'etichetta: Boaz Yakin (testi) e Erez Yakin (disegni), DC Comics President Jenette Khan to step down. Nel 1954 è la Mondadori a rilevare i diritti per i fumetti DC, iniziando una gestione che dura un ventennio. Dal punto di vista editoriale questa Crisis rientra nella tipologia dell'evento-crossover (o propriamente Universe-wide crossover[51]), cioè una storia raccontata in una serie limitata che ha però degli intrecci narrativi gran parte (se non la totalità) delle altre serie delle casa editrice (chiamati Tie-in)[52].