Original Soundtrack documentario in 3d | Un'intervista a Matteo Curallo | La Stampa | aprile 2016

“Che emozione musicare i capolavori di Roma”

Matteo Curallo scelto per scrivere la colonna sonora di un docufilm per il Giubileo.
Il tema principale legato alla Pietà, il momento più elegiaco, si arricchisce della voce: quella del soprano Valentina Valente.

 

 

Leggi tutto: Original Soundtrack documentario in 3d | Un'intervista a Matteo Curallo | La Stampa | aprile 2016

DVD dell'opera "Oedipe sur la route" | Un'intervista a Pierre Bartholomée

DVD Oedipe sur la routePierre Bartholomée  Œdipe sur la route
Opéra en quatre actes – Livret d’Henry Bauchau
– World Premiere Recording –

Orchestre Symphonique et Chœurs de la Monnaie
Daniele Callegari, Direction
Tatiana Samouil, Konzertmeister
Renato Balsadonna, Chef des Chœurs

José van Dam (Œdipe)
Valentina Valente
 (Antigone)
Jean-Francis Monvoisin (Clios)

DVD Evidence

Leggi tutto: DVD dell'opera "Oedipe sur la route" | Un'intervista a Pierre Bartholomée

Analogon, dove la musica incontra la parola | Un'intervista di Corrado Ori Tanzi su 8thofMay | aprile 2017

Per trovare un nome alla loro creatura sono ricorsi a una definizione di Susanne Langer e l'hanno chiamata Analogon così per cristallizzare il punto d’incontro tra la parola e la musica. Questo dieci anni fa. Nel frattempo la casa editrice ha mosso le sue gambe e imparato a camminare nella selva editoriale del nostro Paese con le sue alte proposte in un’accezione ora puramente musicale (epicentro il Lied tedesco), ora storiografica, psicologica e letteraria.

Due teste, due cuori e quattro braccia in cabina di regia. Lei è Valentina Valente, soprano, studi di canto con il didatta Elio Battaglia e laurea in lingua e letteratura tedesca più un lungo curriculum che l’ha vista, tra l’altro, voce mozartiana in tre ruoli femminili ne Le Nozze di Figaro (Barbarina, Susanna e Contessa) poi ne Il Flauto Magico (Pamina) e quindi in Così Fan Tutte (Fiordiligi), interprete di Ksenija in un Boris Godunov di Musorgskij diretto da Claudio Abbado, tante arie da concerto, messe e Lieder ma, soprattutto (almeno per la fredda cronaca storica), prima italiana a dare corpo e voce alla Lulu di Alban Berg.

Lui è Erik Battaglia, figlio del baritono Elio Battaglia, pianista, compositore, insegnante e musicologo sul Lied tedesco, docente al conservatorio di Torino di musica vocale, concertista in prestigiose sale europee, autore di numerose registrazioni, una vita dedicata al Lieder tanto da aver curato nel 1999 a Perugia l’esecuzione di tutti i Lieder di Richard Strauss e dal 2011 (un work in progress che continuerà fino al 2020) la prima esecuzione integrale in Italia dei Lieder di Schubert per l’Unione Musicale di Torino, e da  creare proprio con Valentina un duo che si è fatto apprezzare in vari festival europei.”

L’aver ridato luce a una gemma oscura letteraria come Tutte Le Mattine del Mondo di Pascal Quignard è stata l’imperdibile occasione per conoscere più da vicino questo ensamble musicale/editoriale frutto di un’intelligenza e di un coraggio fuori dal comune che ancora ci aiuta a sentirci orgogliosi di appartenere al ceppo italico del talento umano applicato all’arte e alla cultura.

Leggi tutto: Analogon, dove la musica incontra la parola | Un'intervista di Corrado Ori Tanzi su 8thofMay |...

Sabato 8 aprile 2017: SCHUBERTIADE | Torino - Teatro Vittoria - Unione Musicale

Coppia nell’arte e nella vita, i torinesi Valentina Valente ed Erik Battaglia saranno protagonisti (sabato 8 aprile 2017, Teatro Vittoria, via Gramsci 4) della nuova tappa della Schubertiade, la serie di concerti che a partire dalla stagione 2011-2012 l’Unione Musicale sta organizzando con il proposito di realizzare – primo ente musicale in Italia – l’esecuzione integrale dei Lieder di Franz Schubert (ad oggi siamo a quota 227!).
Curatori della Schubertiade (che si è deciso di dedicare alla memoria del grande liederista tedesco Dietrich Fischer-Dieskau), Valentina Valente ed Erik Battaglia solitamente coinvolgono nel progetto alcuni giovani interpreti da loro selezionati tra i più bravi allievi ed ex-allievi della classe di musica vocale da camera del Conservatorio e dei corsi di perfezionamento da loro realizzati anche all’estero.

Saranno proprio Valentina Valente ed Erik Battaglia a calcare il palcoscenico in questa occasione, per un programma che riunisce pagine conosciute e amate come Nacht und Träume, ritenuto uno dei Lieder più belli di Schubert, a pagine meravigliose ma meno note come Viola, un’ampia ballata della durata di circa 15 minuti che è praticamente uscita dal repertorio a causa della sua complessità e che viene cantata solo in occasione di esecuzioni integrali.

Anche in questo concerto l’ideazione scenica di Olivia Manescalchi farà emergere tutta la modernità dei Lieder, grazie alla grande attenzione con cui vengono valorizzati i testi poetici, di cui vengono messe in luce anche tematiche molto attuali come la violenza sulle donne (specialmente in Viola, che può essere letta come la storia di una donna violata nell’indifferenza di vicini e sorelle). La lettura registica porta in primo piano nascosti fili rossi tra i brani eseguiti, come il tema dell’anelito alla libertà da gabbie fisiche e psicologiche, che verranno realizzate sulla scena tramite la proiezione di immagini su un velo di tulle, secondo una tecnica già utilizzata efficacemente da Luca Ronconi.

Leggi il programma di sala


Il Corriere Musicale, 16 Sett. 2015: "Akhnaten di Philip Glass in prima italiana"

Facilmente brilla la suocera soprano, che aveva la bella voce di Valentina Valente. Successo strepitoso. [Luciana Galliano]


La Repubblica, Nov. 2013: "Schubert per l'Atelier dell'Unione Musicale Al Vittoria Lied e quintetto dedicati alla trota"

LA TROTA uno e due, ovvero Lied e Quintetto. Si apre con due pagine amatissime di Schubert il cartellone 2013/2014 dell'Atelier Giovani curato dall'Unione Musicale al Teatro Vittoria [Leggi tutto l'articolo su La Repubblica]


La Stampa, Nov. 2013: "I musicisti dell'Atelier Giovani a caccia di record"

Si apre nel nome di Schubert e con un record da stabilire, l’Atelier Giovani, ricco cartellone proposto dall’Unione Musicale, accanto alla stagione ormai storica. Il record riguarda l’esecuzione completa di tutto il repertorio di lieder composti dal grande musicista viennese, come spiega il direttore artistico dell’Unione Musicale, Giorgio Pugliaro: «Abbiamo cominciato lo scorso anno, dopo esserci dedicati ad altri compositori, come Schumann, Mozart e Brahms, proprio con l’intento di ripercorrere tutte le 604 tappe di questo viaggio musicale schubertiano, che, anche nelle sua pagine meno note, riserva ottime sorprese. Ci vorrà del tempo per completare l’intera esecuzione e sarà la seconda volta nel mondo, dopo una simile prova a Berlino». [Leggi tutto l'articolo su La Stampa]


OperaClick, April 2013: Torino - Teatro Vittoria: La "Schubertiade" a cura di Erik Battaglia e Valentina Valente nella stagione dell'Unione Musicale

Il progetto dell’esecuzione integrale dei Lieder di Franz Schubert,  concepito da Erik Battaglia e Valentina Valente in memoria di Dietrich Fischer-Dieskau, iniziato lo scorso anno e destinato ad arrivare a compimento nel 2017, prevede quest’anno un appuntamento di assoluto interesse. Il concerto in programma il prossimo 23 aprile al Teatro Vittoria di Torino, nell'ambito della stagione dell' Atelier Giovani dell'Unione Musicale, presenta svariati spunti d’interesse, a partire dal  programma, che risulta ricco e variegato, spaziando da Monteverdi a Richard Strauss, soffermandosi a lungo sulla produzione schubertiana. Una serata di non sola musica, ma di musicologia e di multimedialità, grazie al contributo, tra gli altri, di Davide Livermore. [Leggi su OperaClick]


Schubertiade: musica da camera e Lieder di Schubert al Teatro Vittoria

Si può dire che dopo il ciclo di sonate di Beethoven e la musica da camera di Mozart e di Brahms, l’iniziativa torinese di Atelier Giovani presso il Teatro Vittoria di Torino è diventata una lieta quanto consolidata occasione per ascoltare la musica classica. Quest’anno è la volta di Schubert e dei suoi celebri Lieder. [...] La liederistica, com’è noto, svolge ruolo essenziale nell’opera di Schubert, anzi, come ha ricordato di recente Erik Battaglia che si occupa della programmazione: “lo spirito del Lied anima tutta la musica di Schubert, le cui particolarità strutturali sono riconducibili all’origine emozionale-verbale della sua ispirazione. E’ come una soluzione chimica in cui è impossibile dividere invenzione musicale e poetica, sono emozioni espresse in musica ma vissute tramite la poesia” (Sistema Musica). La sfida questa volta è duplice, sul piano esecutivo e teatrale, nel tentativo di reinventare un genere che rimane, in buona sostanza, tipico dell'epoca romantica ma che non smette di sedurre e conquistare, anche oggi, gli ascoltatori in numerosi concerti e nei cataloghi discografici. Oltre agli esecutori si prevede la collaborazione del regista teatrale Davide Livermore che proverà a ricreare l’atmosfera delle schubertiadi. Impresa non facile, bisogna dire, perchè sospese come sono tra l’aneddoto e il mito le cosiddette schubertiadi nessuno sa esattamente come fossero, ma di certo lo spirito al tempo stesso mentale e domestico della musica di Schubert aiuterà l’immaginazione del pubblico oltre che degli organizzatori. [http://nomosalpha.wordpress.com/]


La Repubblica, Oct. 2012 - Schubertiade all'Unione Musicale di Torino: L'asso nella musica

Nel ricchissimo cartellone di quest'anno Schubert si ritaglia un posto particolare? «Sì. Abbiamo già iniziato lo scorso anno al Teatro Vittoria un progetto schubertiano con Erik Battaglia al pianoforte e la regia di Davide Livermore e ci è venuta la folle idea: eseguire tutti i suoi Lieder. Sono più di 600, non so quanto ci vorrà, intanto cominciamo e poi vedremo. Quest' anno sono dodici gli appuntamenti della Schubertiade, quattro dedicati ai Lieder, otto cameristici nei quali però c' è sempre un inserto liederistico. Mentre preparavamo questo progetto è scomparso Dietrich Fischer-Dieskau, il grande baritono che è stato un meraviglioso liederista, così abbiamo pensato di dedicarea lui questa Schubertiade. Erik Battaglia aveva con lui uno splendido rapporto e, siccome Fischer-Dieskau era anche un bravissimo pittore, abbiamo realizzato un video che riprende proprio i suoi quadri e che proietteremo durante le esecuzioni». Leggi su Repubblica 


 

Operaclick, Dec. 2010 (A. Cammarano) - D. Pennac/C. Ambrosini: Il killer di parole (Premio Abbiati 2011) - Venezia, La Fenice

Magnifica Valentina Valente, struggente Parola Uccisa, impudente Fotografa ed infine ammaliante Ultima Parlante Giovane.


 

IL CORRIERE DELLA SERA, April 2010, (E. Parola) - Il «Pierrot lunaire» visto da Sylvano Bussotti

«Pierrot lunaire», basta la parola. E’ l’opera più famosa, più amata ed eseguita di Schönberg, modello formale dello Sprechgesang ma soprattutto manifesto dell'espressionismo musicale, vera e propria traduzione in note dell'omonima corrente pittorica. Ma il «Pierrot lunaire» in cartellone stasera al Dal Verme incuriosisce e attira gli amanti del repertorio novecentesco perché viene presentato in una versione scenica che porta una firma prestigiosa e fascinosa, quella di Sylvano Bussotti. Figura eclettica di poeta, attore e soprattutto musicista, allievo di Dallapiccola, sodale di Cathy Berberian, Boulez e John Cage, compositore richiesto dai maggiori teatri il settantenne fiorentino ha curato anche scene e costumi, guidando nella loro realizzazione le giovani maestranze dell' Accademia della Scala. Sul podio sale il nipponico Yoichi Sugiyama, mentre la parte vocale è affidata a Valentina Valente, interprete giovane ma già esperta e di riferimento a livello internazionale per il Novecento storico, e quella strumentale all'altrettanto giovane e altrettanto affermato «Mdi Ensemble», cui Bussotti dedica una sua opera eseguita stasera in prima assoluta, «Arlequin poupì».


 

TORINO SETTE – (March 2010, A. Malvano) - In festa per Schumann

Omaggio dell’Unione Musicale per i 200 anni dalla nascita del compositore tedesco.

L’Unione Musicale, con il soprano Valentina Valente e il pianista Erik Battaglia, dedica un appuntamento ai Lieder cantati da Mignon, l’enigmatica bimba descritta da Goethe nel «Wilhelm Meister»: versi che hanno stimolato non solo l’ispirazione di Schumann, ma anche quella di Zelter, Loewe, Schubert, Cajkovskji, Medtner, Battaglia, Wolf.


 

ALL ABOUT JAZZ – (Oct. 2007, E. Rosina) - Isang Yun e la musica coreana contemporanea. MITO SettembreMusica

Il primo brano [Namo], scritto nel 1971, riprende formule di invocazione a figure del Buddhismo Mahayana, declamate dalle voci di Valentina Valente, Pilar Jurado e Daniela Uccello, in un conteso eterofonico che, tra suoni tenuti, eleganti ornamentazioni microtonali e grande profusione di percussioni (con gong, conchiglie, sonagli, con i soprani impegnati anch’essi ai tamburi) culmina in un finale di magnifica rarefazione estatica.


 

LE MONDE DE LA MUSIQUE – (n. 322 – Jul/Aug 2007, Jacques Amblard) P. Bartholomée: CD "Ex Abrupto", CypresRecord

Le timbre aigu de Valentina Valente, notamment, est étrange et sublime, et se visse violemment dans le cœur de l’auditeur.

    


 

DIVERDI.COM (30th Aug. 2007, Norberto Tauste) - P. Bartholomée: CD "Ex Abrupto", CypresRecord

Finalmente Le Rêve de Diotime recrea un tortuoso universo onírico intensificado por la sinuosidad vocal de la soprano Valentina Valente y el subido color del Ensemble Musiques Nouvelles bajo la batuta del propio Bartholomée.


 

SISTEMA MUSICA (April 2006, M. Luccisano) - Suleika e lo specchio, ovvero l’amore e la caducità

Francoforte, autunno 1814. Il poeta sessantacinquenne incontra Marianne, terza moglie dell’attempato banchiere Willemer, neppure trentenne. Amore a prima vista per il vecchio Goethe, convinto che quella fiamma mai più dovesse riprendere ad ardere. Estate 1815: nasce quasi di getto il Buch Suleika, parte del Divano occidentale-orientale. Eros e messaggi cifrati, esotismo e sincretismo in questo capolavoro dell’ultimo Goethe. Oggetto affascinante di studio, idea per un nuovo progetto artistico per Valentina Valente ed Erik Battaglia. - Erik Battaglia, quando e come è nata l’idea di questo concerto-spettacolo? “- Sto per pubblicare “Gioia e dolore diventano canto”, un libro dedicato a mille Lieder su poesie di Goethe. Ho trovato un enorme materiale musicale sul Libro di Suleika, tra cui alcuni schizzi di Anton Webern per la quartina che dà il titolo al nostro spettacolo: “Lo specchio mi dice: son bella!”. Ho quindi composto delle variazioni per quartetto d’archi su quel bellissimo canone dodecafonico, come “raccordo” tra i veri Lieder. Mia moglie – Valentina Valente, ndr – ha svolto ricerche sul personaggio di Suleika in tutte le sue apparizioni letterarie dal Corano a Nietzsche, dai mistici persiani a Thomas Mann. Ne ha ricavato il testo da recitare sulle variazioni, e anche la giustificazione estetica di questo concerto”. - Con che spirito lei, Valentina Valente, affronta il duplice ruolo di cantante e di voce recitante? - La “Lulu” di Berg, di cui sono stata la prima interprete italiana in lingua tedesca, è stata un’impagabile scuola di alternanza tra declamazione e canto. In questo caso la sfida sarà rendere unitario il florilegio di testi così distanti tra loro, trovando in Suleika un aspetto anche drammaturgico, non solo liederistico”.


 

NEW YORK KURT WEILL FOUNDATION - News Letter, Vol. 23, n. 1 (2005, Stephen Hastings) - K. Weill: Aufstieg und Fall der Stadt Mahagonny

Jenny and her friends were young and genuinely attractive: in this case (appropriately enough) Mediterranean beauty oozing sensuality. Jenny herself was played by Valentina Valente, the first Italian soprano to sing the role of Lulu in the original language. Her command of the German text was equally impressive on this occasion, her physique was ideal and her singing consistently musical and often touching.


 

FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG (2004, Ellen Kohlhaas) - A. Berg: Lulu

Valentina Valente betonte in stimmlicher Vielfalt zwischen feinem espressivo, metallischen Nadelspitzen und flirrender Koloratur das Schillernde, Ungreifbare der Titelfigur – ein schlüssiges Rollenprofil ohne vordergründiges Femme-fatale- Gehabe.


 

FRANKFURTER RUNDSCHAU (2004, Annette Becker) - A. Berg: Lulu

In der Titelrolle sang Valentina Valente nun in der ersten Wiederaufnahme als Gast. Kühl und fast automatenhaft zeichnete die allen Koloraturen gewachsene Italienerin Lulu als aufreizend vage Figur, die hauptsächlich das ist, was andere in ihr sehen.


 

FRANKFURTERNEUE PRESSE (2004, Rudolf Jöckle) - A. Berg: Lulu

Die junge Valentina Valente ist die neue Lulu, die erste Italienerin, die mit dieser Partie in deutscher Sprache internationalen Erfolg hatte. Eine schlanke, schöne Frau die, durch die bunten, „poppigen“ Bühnenbilder von Paul Steinberg, fast traumwandlerisch, alles tödlich berührend und unberührbar zugleich geht.


 

FRITZ DAS MAGAZIN - BEWEGUNGSMELDER MUSIK (Sept. 2004) - A. Berg: Lulu

Allen voran überzeugen Terje Stensvold als unterwürfiger Dr. Schön und Valentina Valente als fleischgewordene Männerfantasie Lulu. Besonders ihr energiegeladenes Duett zeigt die Dramatik von Macht und Liebe.


 

WWW.MUNDOCLASICO.COM (2nd Juin 2003, Paco Bocanegra) - Haendel: Giulio Cesare

Mención aparte precisa la italiana Valentina Valente, que encontró en el bello esmalte de su voz y la calidad de su melodismo una preciosa versión de la mejor aria del personaje, “Se pietà”.


 

CRESCENDO (Febr./March 2003, Gaetan Goldstein) - Entretien avec Bartholomée sur "Œdipe sur la route"

"Je voulais absolument écrire pour Valentina Valente qui, à mes yeux, est Antigone. Elle a la voix, les yeux, elle est Antigone avec ce corp de garçon, elle est très belle et – je ne sais pas si vous l’avez vue dans Lulu - elle est une actrice formidable". (Pierre Bartholomée)


 

DIE WELT (14th March 2003, Stefan Keim) - P. Bartholomée: "Oedipe sur la route"

Valentina Valente findet als Antigone Tone, in denen das unterdruckte Leben dieser jungen Frau horbar wird, die Qual der Aufopferung.


 

LE SOIR (10th March 2003, Michel Debrock) - P. Bartholomée: Œdipe sur la route

Valentina Valente ne joue ni ne chante: elle est Antigone – rebelle, fragile, forte, violente et aimante - aussi loin et intensément que le théatre est la vie même.


 

LA LIBRE BELGIQUE (10th March 2003, M. Dumont-Mergeay) - P. Bartholomée: Œdipe sur la route

Valentina Valente – familière de la musique de Bartholomée - est bien la jeune Antigone, passionnée, fragile et impérieuse.


 

THE BULLETIN (13th March 2003, Marcel Croes) - P. Bartholomée: Oedipe sur la route

The female role excellently interpreted by Valentina Valente.


 

FORUM OPERA.COM (March 2003, Bruno Peeters) - P. Bartholomée: Oedipe sur la route

La fière Antigone de Valentina Valente est tragique autant que poétique, fille idéale d’une père tant aimé. D’une grande tension vocale, l’écriture de son rôle ne lui pose aucun problème, et elle l’interprète avec une douleur passionnée.


 

L’OPERA (Oct./Nov. 2001, A. Mormile) - A. Reimann: Lear

Valentina Valente impersona splendidamente la parte di Cordelia, terza figlia del re, sfoggiando una voce svettante e penetrante.


 

STUTTGARTER NACHRICHTEN (July 2001) - A. Zemlinsky: Der Zwerg

Valentina Valente singt die Infantin mit höhensicherem, schlankem Sopran, und sie verfügt über die richtige Ausstrahlung für eine hübsche, verwöhnte, herzlos kokettierende Prinzessin.


 

LE SOIR (March 2001, Serge Martin) - L. Nono: Como una ola de fuerza y luz

Une éblouissante Valentina Valente q’on avait été la révélation du Lulu de l’ORW, qui dialogue avec une bande magnétique. Le miracle de cette interprétation est justement d’avoir su dépasser le stade de la prouesse technique pour s’engager dans une geste héroique qui a soulevé l’enthousiasme du publique.


 

LE VIF – L’EXPRESS (Bruxelles, Palais des Beaux Art, March 2001, M.D.) Epoustouflante Valentina Valente

La soprano italienne Valentina Valente avait impressionné le public de l'Opéra royal de Wallonie, en 1999, avec une époustouflante prise de rôle dans "Lulu", d'Alban Berg (photo). Dans le cadre du festival de musique contemporaine Ars Musica, elle chantera avec l'Orchestre philharmonique de Liège dans la magnifique pièce de Luigi Nono intitulée "Como una ola de fuerza y luz". Dirigé par Patrick Davin, le programme propose aussi les "Formazioni" de Berio, ainsi que "Le Cercle de Rangda" du compositeur liégeois Claude Ledoux.


 

OPERA, vol. 51, pag. 334, 2000 (G. H. Hubert Lascelles) - Berg's Lulu at ORW

Lulu, ORW, 1999

"Valentina Valente, making her debut as Lulu, displayed a dark, sensual soprano and mastered both the coquettish chanson style as well as the seductively high coloratura passages."


 

PIANO TIME (Oct. 1999, Dario Miozzi) - Lieder di Strauss a Perugia

Abbiamo ammirato l’impeccabile lezione di tecnica e di stile del soprano Valentina Valente, squisita interprete sia di alcune raccolte dei Lieder cameristici (su tutti sceglieremmo i tre Ophelia-Lieder op.67 e i difficilissimi Brentano-Lieder op.68) sia dei sublimi Vier letzte Lieder con orchestra.


 

ORPHEUS (Berlin, Dec. 1999, Bernd Hoppe) - A. Berg: Lulu

Valentina Valente, die sich intensiv auf diese Aufgabe vorbereitet hatte und sie grandios meisterte. Mit ihrem dunkelgetönten, sehr sinnlich timbrierten Sopran jonglierte sie virtuos zwischen vulgären diseusenton, coquetten Chansonstil, und betörend flierrenden Koloraturen in stratosphärischer Lage. Wunderbar ihre Kopftöne, faszinierend die oft der Salome ähnende Ausdruckskraft (so in der auseinandersetzung mit Alwa im II Akt) und überzeugend das Spektrum ihrer darstellerischen Möglichkeiten.


 

OPERA INTERNATIONAL (Paris, Dec. 1999) - A. Berg: Lulu

On attendait avec curiosité la Lulu de la jeune italienne Valentina Valente, connue d’abord dans le répertoire baroque et le bel canto. La performance vocale est remarquable, tant sur le plane de la langue que pour l’investissement des forces dans cet emploi très lourd et l’aptitude de la voix, à la brillante colorature, pour tenir jusqu’au bout sans effort les aigus si particuliers du rôle, jusqu’au cri poignant à la vue de son portrait déroulé par Alwa, à la dernière scène, en passant par le «O Freiheit!» du II.


 

Copyright © 2017 valentinavalente.it. All Rights Reserved.
Joomla! is Free Software released under the GNU General Public License.